Le Borse ripartono guardando all’inflazione Usa. Mercati asiatici in rialzo

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

3′ di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Si profila un avvio ancora in rialzo per le Borse europee, dopo una settimana da incorniciare, con Milano che è salita del 6,2%. Anche Wall Street ha archiviato la prima settimana del 2023 in guadagno, anche se non ha corso come le Borse europee. Venerdì, ad ogni modo, gli indici americani hanno chiuso tutti in progresso di oltre il 2%, beneficiando anche del rapporto sul mercato del lavoro: a dicembre sono stati creati 223mila posti di lavoro, oltre le attese degli esperti, con una disoccupazione scesa al 3,5%, ai minimi degli ultimi 55 anni. Ma i mercati hanno apprezzato più che altro il fatto che i salari sono cresciuti dello 0,27% rispetto al mese precedente, contro attese per un rialzo dello 0,4%. L’aumento annuale sceso al 4,59%. Numeri che fanno ben sperare per l’andamento dell’inflazione. Ad ogni modo il dato sull’indice dei prezzi al consumo, sotto la lente della Federal Reserve, sarà annunciato giovedì.

Occhi su Stellantis dopo accordo con Element 25, bene Anima

A Piazza Affari saranno sotto la lente le Stellantis, dopo che la società ha siglato un accordo vincolante con Element 25 per la fornitura, da parte del gruppo australiano, di solfato di manganese monoidrato ad alto grado di purezza per la produzione di pacchi batteria destinati ai veicoli elettrici. Fuori dal paniere principale, Anima ha comunicato i dati sulla raccolta di dicembre.

Loading…

Andamento dello spread Btp / Bund

Loading…

Spread Btp-Bund apre in rialzo a 201 punti base

Avvio in leggero rialzo per lo spread Btp-Bund con il differenziale di rendimento tra i titoli decennali italiani e quelli tedeschi che si apre di un paio di punti base, a quota 201. Il rendimento dei bond italiani sale di quattro punti base al 4,24%.

Scopri di più

Scopri di più

Euro si rafforza, petrolio in rialzo e sale anche il gas

Sul fronte dei cambi, l’euro si è rafforzato sul dollaro, passano di mano a 1,0688 dollari (da 1,0599 dollari della chiusura di venerdì). La divisa si attesta inoltre a 140,78 yen (140,44), mentre il cambio dollaro/yen è a 131,67 (132,49). Continua a salire anche il petrolio, beneficiando delle riaperture in Cina: il wti, contratto di febbraio, passa di mano a 75,22 dollari in rialzo dell’1,97%, mentre il Brent del Mare del Nord, contratto di marzo, 79,84 dollari al barile, su dell’1,27%. Infine sale il valore del gas: il future di febbraio vale 72,97 euro al megawattora, in progresso del 4,9%.

Source: ilsole24ore.com