C’è un pandemia in corso e non è il Covid

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

C’è una questione antica in Italia che causa la morte di 15mila persone all’anno, un numero pari all’incirca alla popolazione di una cittadina come Alba Adriatica. È l’antibiotico resistenza

È causata da numerosi batteri e provoca una trentina di malattie diverse. Si tratta di una epidemia silenziosa per la cui diffusione l’Italia è seconda in Europa, dietro solo alla Grecia. La causa è un uso eccessivo o non corretto di antibiotici.

Questo favorisce l’insorgenza di ceppi batterici resistenti ai farmaci, cioè super batteri che non rispondono alle cure e possono portare alla morte. Partiamo da due dati: nel nostro Paese si registra il più alto uso di antibiotici in Europa e da noi non esiste un obbligo di comunicazione delle infezioni antibiotico resistenti, nemmeno da parte degli ospedali dove si verifica il 65% dei casi di queste infezioni.

È un problema che riguarda medici, aziende farmaceutiche e autorità sanitarie. Secondo la professoressa Evelina Tacconelli, professoressa di Malattie infettive e direttore delle Malattie infettive dell’università di Verona – che è arrivata ad ipotizzare sanzioni o addirittura la chiusura degli ospedali nei quali viene superata la soglia di allerta delle infezioni –  questa epidemia silenziosa potrebbe essere eliminata in tre anni, se soltanto lo si volesse, attraverso 4 passaggi: formazione obbligatoria dei medici, fine del conflitto di interesse, sorveglianza obbligatoria negli ospedali e controlli. 

Source: ansa.it