Migranti: von der Leyen per l’aumento degli ingressi legali

Get real time updates directly on you device, subscribe now.

La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen è favorevole ad un incremento del numero di ingressi regolari di lavoratori dai Paesi terzi. Lo ha detto, secondo quanto si apprende, nel corso di un intervento al Consiglio europeo menzionando e definendo positiva l’esperienza dell’Italia con i corridoi umanitari.

“Sui migranti “mi aspetto passi in avanti. Posso dire che sono soddisfatta della bozza di conclusioni, che chiede alla Commissione di precedere spedita”, ha detto la premier Giorgia Meloni arrivando al Consiglio europeo a Bruxelles.

Sul tema a livello europeo c’è “l’impegno a mantenere lo slancio”, fa sapere un alto funzionario europeo precisando che nel corso del Consiglio di oggi – probabilmente nel corso della cena – i leader che lo desiderano prenderanno la parola sulla migrazione e “ci si aspetta” che Giorgia Meloni sia tra questi. Ma non solo. Anche l’olandese Mark Rutte vuole intervenire. Stando a quanto si apprende non ci sarà “un giro di tavolo completo” – che di norma impiega oltre due ore – ma circa 10 leader alla fine potrebbero prendere la parola, con il “sostegno” del Consiglio al confronto.

Migranti, Meloni: ‘Oggi tema centrale in Europa’

Sul Patto di Stabilità, ha proseguito, “ci sono visioni sempre abbastanza differenti ma io penso che l’Ue debba imparare dai suoi errori, dal passato. Oggi a tutti sono chiesti importanti investimenti per la transizione ecologica, digitale, per le catene di approvvigionamento strategiche. Non si può pensare che gli investimenti necessari a rendere competitivo il nostro sistema non siano tenuti in considerazione nella governance. Per noi sarebbe tragico tornare ai parametri precedenti, serve una governance più attenta alla crescita”. Meloni ha poi aggiunto di essere “in contatto con Emmanuel Macron per un possibile incontro” e che, tra i bilaterali già fissati a margine del vertice, ci sono quelli con il premier polacco Mateusz Morawiecki e greco Kyriakos Mitsotakis.

Biocarburanti, Meloni: ‘Ue all’avanguardia. Favoriamo competitivita’ del sistema’

Rispondendo ad una domanda sulle posizione della Lega sull’Ucraina, Meloni ha aggiunto:  “No francamente non mi preoccupano. Al di là delle posizioni espresse per lavorare su una posizione alla quale tutti lavoriamo, ovvero la fine del conflitto, ho detto come la penso: non c’è nell’attuale contesto misura più efficace di garantire un equilibrio tra le forze in campo”.

La commissaria Ue agli Interni, Ylva Johansson, ha annunciato che la Commissione europea sta “valutando un viaggio in Tunisia con il ministro italiano” Matteo Piantedosi. Il team della commissaria ha poi precisato che la missione dovrebbe tenersi in aprile con la partecipazione anche del ministro francese Gerald Darmanin. “Stiamo lavorando con l’Italia, c’è un ottima cooperazione, ora dobbiamo lavorare con i Paesi d’origine per fermare le partenze”, ha evidenziato Johansson.

Alla riunione pre-Consiglio europeo del Partito socialista europeo a Bruxelles è arrivata anche Elly Schlein. Si tratta del suo esordio da segretaria del Pd. Schlein incontrerà il cancelliere tedesco Olaf Scholz, il primo ministro spagnolo per Sanchez e la premier finlandese Sanna Marin, oltre al commissario Ue per l’Economia, Paolo Gentiloni. Sul tavolo i temi sull’agenda del vertice Ue, tra i quali il nodo sullo stop ai motori a scoppio dal 2035, che i Socialisti discuteranno anche alla presenza del vicepresidente esecutivo della Commissione europea Frans Timmermans.

Consiglio Europeo, ora un pacchetto di aiuti alla Moldavia – “L’Unione europea continuerà a fornire tutto il sostegno pertinente alla Moldavia, anche per rafforzare la resilienza, la sicurezza, la stabilità, l’economia e l’approvvigionamento energetico del paese di fronte alle attività destabilizzanti di attori esterni, nonché a sostenere il suo percorso di adesione all’Unione Europea. Il Consiglio europeo invita la Commissione a presentare un pacchetto di sostegno prima della sua prossima riunione”. Lo si legge nelle conclusioni adottate dal Consiglio Europeo dopo le discussione dedicate all’Ucraina.

“L’Unione Europea e gli Stati membri stanno aumentando gli sforzi per contribuire a soddisfare le pressanti esigenze militari e di difesa dell’Ucraina. Tenendo conto degli interessi di tutti gli Stati membri in materia di sicurezza e di difesa, il Consiglio Europeo accoglie con favore l’accordo raggiunto in sede di Consiglio per la consegna urgente all’Ucraina di munizioni terra-terra e di artiglieria e, se richiesto, di missili”. Lo si legge nelle conclusioni riferite all’Ucraina.

Source: ansa.it