Borse perdono fino al 2% con stallo su debito Usa, corre Mediobanca dopo il Piano

Get real time updates directly on you device, subscribe now.


(Il Sole 24 Ore Radiocor) – Lo stallo sul tetto del debito americano pesa sui mercati europei, che allargano le perdite fino oltre due punti percentuali, mentre manca una settimana alla scadenza del primo giugno, data in cui gli Stati Uniti potrebbero andare in default, se non si trovasse prima un accordo per aumentare il tetto del debito. Intanto si guarda anche all’andamento dell’economia e alle conseguenti mosse della Federal Reserve: indicazioni in questo senso potranno arrivare in serata, quando saranno pubblicati i verbali dell’ultima riunione del Fomc, il braccio operativo della Banca centrale americana.

Così gli indici, ricalcando l’andamento della seduta precedente e accodandosi all’umore di Wall Street della vigilia e dell’Asia, viaggiano con decisi ribassi per il FTSE MIB di Milano, il CAC 40 di Parigi, il DAX 40 di Francoforte, l’IBEX 35 di Madrid, l’AEX di Amsterdam e il FT-SE 100 di Londra, dopo che i prezzi al consumo nel dato core sono saliti sui massimi da 31 anni. Qualche spunto potrà arrivare dalle indicazioni dell’indice Ifo tedesco.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib

Loading…

Sprint Mediobanca dopo piano, cala Leonardo

Sull’azionario milanese, in controtendenza e in netto rialzo Mediobanca che prima dell’avvio delle contrattazioni ha annunciato il nuovo piano, con ricavi a 3,8 mld al giugno 2026 (+6% medio annuo) e una remunerazione complessiva ai soci a 3,7 mld (+70%). In calo tutte le altre banche, con Banca Pop Er, Unicredit e Intesa Sanpaolo giù di oltre un punto. Vendite sugli industriali, mentre Leonardo – Finmeccanica è piegata da un report di Goldman Sachs che ha ridotto il rating sul titolo da buy a neutral. Da seguire anche Mfe-Mediaforeurope che ha chiuso il primo trimestre con un utile a 10,1 mln, ricavi in calo dell’1% a 646,6 mln, un risultato operativo in miglioramento e una pubblicità salita dello 0,4%. Tra le trimestrali di spicco in Europa, Marks&Spencer ha registrato un calo dei profitti del 7,8% a causa delle pressioni inflazionistiche.

Spread sale a 187 punti, su anche il rendimento decennale

Andamento in rialzo per lo spread BTp/Bund in un contesto di generale aumento dei rendimenti sulla curva euro. Nelle prime battute il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (Isin IT0005518128) e il pari scadenza tedesco e’ indicato a 187 punti base, in aumento di 2 punti base rispetto al closing di ieri. Rialzo più sensibile per il rendimento del BTp decennale benchmark che in avvio si attesta al 4,37% dal 4,31% dell’ultimo riferimento.

Scopri di più

Scopri di più

Il cambio euro / dollaro

Loading…



Source link