Boeing rallenta le forniture di 787: «Difetti in un componente»

Get real time updates directly on you device, subscribe now.


Boeing ritarderà le consegne del 787 Dreamliner dopo aver scoperto un componente difettoso nei giorni scorsi. Ennesima battuta d’arresto mentre il costruttore di aerei lavora per soddisfare l’aumento della domanda per il suo aereo a lungo raggio, la cui fusoliera in materiali sintetici viene prodotta nello stabilimento Leonardo di Grottaglie. Il difetto potrebbe riguardare circa 90 Dreamliner già costruiti che non sono ancora stati consegnati, ha dichiarato la Boeing, così come una manciata di aerei sulla linea di assemblaggio finale a North Charleston, in South Carolina.

Ogni aereo sarà ispezionato per verificare la presenza di spessori di dimensioni improprie all’interno dello stabilizzatore orizzontale, una piccola ala attaccata alla coda dell’aereo.Il problema ha scosso gli investitori che hanno in precedenza tollerato una serie di problemi di produzione del costruttore statunitense. La Boeing ha dovuto interrompere le spedizioni dei Dreamliner per quasi due anni e sta ancora cercando di risolvere un difetto di un fornitore che riguarda centinaia di jet 737 Max.

Proprio la settimana scorsa, l’amministratore delegato Dave Calhoun ha dichiarato che, con i fornitori, le difficoltà sono «sempre più ridotte». Le azioni della Boeing hanno rinculato dopo la notizia, chiudendo con un calo dello 0,7% a New York. Le nuove ispezioni e riparazioni dei 787 probabilmente rallenteranno anche lo sforzo della Boeing di eliminare dal proprio inventario gli aerei non consegnati. Inoltre, i ritardi nelle consegne potrebbero aggravare la carenza di nuovi aeromobili durante l’affollata stagione dei viaggi estivi, quando le compagnie aeree cercheranno di tenere il passo con l’aumento dei viaggi post-pandemia.

Scopri di più

Scopri di più



Source link